Sede in Pavia - Via Siro Comi, 10 - 27100 Pavia - Tel3487018310 - 3493980949
infoatpaviainseriea.it

 

 
 
Progetto Educativo Chiapaneco 2004 (Finanziato da paviainserieA)
Articolo di Marco Gastoni e Valentina Negri "Notizia dal Chiapas" (pdf)
Articolo di Marco Gastoni "Finestraperta sul Chiapas" Rivista A n.296 2/2004 (pdf)
Articolo di Marco Gastoni e Michele Zancan "Chiapas" Settembre 2002 (pdf)
Discorso di Marcos dallo Zocalo  (Città del Messico)
Galleria fotografica M.A. 1° de Enero
Rassegna stampa sulle iniziative pro-Chiapas
 


 
 

È sufficiente una gita da turista con autobus di prima classe attraverso gli stupefacenti scenari montani del Chiapas per accorgersi della realtà drammatica delle popolazioni indigene. Non occorre snocciolare una sequela infinita di indici di sottosviluppo per dimostrare come la situazione economico-sociale del Chiapas non sia migliorata significativamente negli ultimi decenni.

Il Chiapas è geograficamente posizionato in una zona di rilevante importanza strategica, sia per il Messico che per gli Stati Uniti, in quanto costituisce il corridoio naturale verso L'America Centrale. È inoltre ricco di risorse naturali (petrolio, uranio, legno, carbone,acqua) e fornisce oltre la metà del fabbisogno messicano di energia elettrica; tuttavia, paradossalmente, la maggior parte delle comunità contadine di questo Stato non sono rifornite di elettricità. Sintetizziamo sull'argomento citando l'autorevole settimanale
liberista The Economist: «la ricchezza [del Chiapas] ha avuto la tendenza a finire direttamente nei forzieri del Governo o nelle tasche dei latifondisti».

Il movimento zapatista dichiara di essere un «esercito di pace», formato da guerrieri che non credono nelle armi. Queste sono impugnate soltanto per difendere i territori presidiati sia dall'esercito che da commandos paramilitari sovvenzionati dai latifondisti ma per la verità la resistenza delle comunità ha sempre assunto, fino ad oggi, caratteri di resistenza passiva e non violenta. Attraverso questa strategia basata sull'iniziativa politica, gli zapatisti si sono
assicurati oggi uno status quo nel quale sostanzialmente le comunità,
organizzate nei Municipi Autonomi, convivono come forme tollerate di
autogoverno con i municipi ufficiali.

L'ultima visita di paviainseriea in Chiapas risale alla prima settimana di novembre 2003: siamo giunti a Morelia, sede del caracol competente per territorio per incontrare la Giunta del Buon Governo a cui fa capo il Municipio Autonomo 1° de Enero con cui l'associazione paviainseriea è gemellata. La JBG Corazon de l'arcoiris de nuestra esperanza (ex aguascalientes di Morelia) è composta di 14 rappresentanti delegati dei 7 municipi autonomi della zona, eletti tra i membri dei consigli municipali zapatisti di ogni municipio.

Nella nostra successiva permanenza presso le diverse Comunità
decentrate componenti il Municipio Autonomo 1° de Enero, abbiamo avuto
modo di incontrare tutta la popolazione (donne, uomini e bambini) attraverso le assemblee di base indette in ogni Comunità al fine di incontrarci. Nelle assemblee, dopo l'iniziale preghiera, l'inno messicano, l'inno zapatista e l'inno dell'educazione zapatista ci vengono illustrate le necessità che sono molteplici: presidi medici, materiale scolastico, elettricità ed acqua potabile, risorse ancora in gran parte carenti nella zona.

A nostro avviso ci troviamo innanzi ad un fondamentale fronte di lotta contro l'ingiustizia globalizzata. Appoggiare agli zapatisti non è un problema umanitario ma politico: se gli zapatisti vincono, allora la speranza in un mondo migliore per tutti i popoli del mondo potrà faticosamente sopravvivere. Se questi gruppi di indigeni ribelli perdessero, questa sconfitta potrebbe avere ripercussioni drammatiche su tutti i movimenti che si ribellano ai dettami della politica neoliberista e ritardare di decenni la lotta contro l'ingiustizia intutto il mondo.

Gli appoggi disponibili sono estremamente ridotti e, per questa ragione, riteniamo che occorra una mobilitazione generale in Italia per aiutare questi compagni. Va sottolineato che l'aiuto a queste forme di resistenza, così come ve lo stiamo proponendo, si caratterizza per l'assenza di forme d'intermediazione o di direzione da parte del benefattore, così come la completa assenza di costi amministrativi per la gestione degli aiuti. Le risorse che raccogliamo vengono inviate direttamente dal nostro conto corrente ai referenti degli organi politici controllati dalle comunità (e cioè il conto corrente della competente Giunta del Buon Governo) e i progetti di sviluppo prevedono la completa autonomia decisionale delle comunità beneficiarie attraverso le competenti forme di autogoverno (Municipi Autonomi e Consigli di Comunità). Si tratta quindi di un aiuto che può essere verificato da parte nostra nei suoi risultati pratici, anche attraverso costanti contatti e visite presso le comunità, ma che parte in forma completamente incondizionata. Questa scelta deriva dalla fiducia che riponiamo nella capacità di autogoverno delle comunità zapatiste (e, in generale, in tutte le forme di autogoverno).

Per queste motivazioni politiche tutti gli amanti della libertà si devono attivare per sostenere questa lotta. Sinceramente, anche osservare i bambini a piedi nudi nel fango che ti guardano e ti sorridono fa molto UNICEF e può aiutare a scuotere le coscienze, ma ricordiamoci che la scelta di aiutare questo popolo in questo momento è soprattutto una scelta politica alternativa al potere.

Marco Gastoni (Presidente associazione Paviainseriea) estratto
dall'articolo apparso sul n.196 della Rivista A (Febbraio 2004).

 
 

Visita al  M.A. 1° de Enero  (Novembre 2003):
Siamo tornati per la seconda volta a visitare il Municipio Autonomo 1° de Enero (Chiapas, Messico) gemellato con la nostra associazione. Leggi il resoconto di Marco Gastoni e Valentina Negri: Notizie dal Chiapas e l'articolo di Marco Gastoni apparso sulla rivista A n.296 nel febbraio 2004: Finestraperta sul Chiapas.

Galleria fotografica M.A. 1° de Enero

 

Distribuzione del caffè biologico DURITO REBELDIA.
Caffè biologico tipo Arabica coltivato naturalmente secondo metodi tradizionali in coltivazioni all'ombra degli alberi; seccato al sole; prodotto da piccole cooperative agricole;
Cooperativa produttrice di caffè Mutz Vits Società per la solidarietà sociale "Montagna degli Uccelli"

 
Prezzo trasparente caffè libertad (pdf)
Distribuito da Coordinadora
 
 

UpPavia2003:
La quarta edizione del Festival (per la prima volta durato 10 giorni) ha costituito una svolta importante per la presenza di numerosi musicisti di fama nazionale ed internazionale e di un'installazione permanente di arti visive curata dal gruppo AP. Le risorse raccolte hanno consentito di finanziare progetti di sviluppo in Chiapas (Messico). (entra nel sito)

 
 

Finestraperta sul Chiapas (4-5/11/2002):

Manifestazione organizzata in collaborazione con il collettivo CoRSARi per promuovere il gemellaggio con il Municipio Autonomo messicano Primero de Enero (Chiapas). Questa iniziativa presentata il presso il CSA Barattolo è nata come iniziativa di sensibilizzazione sulla situazione politico-sociale nel Chiapas. (entra nel sito)

 

Hermanamiento (Atto di Gemellaggio): Lettera che sancisce il gemellaggio tra il Municipio Autonomo 1°de Enero (Chiapas, Messico)  e la nostra associazione.
22 aprile 2003